COME VENGONO CREATI I LINGOTTI?

La fusione dell’oro avviene a circa 1060 gradi e per creare i lingotti vengono effettuate diverse fasi. Prima di tutto i rottami d’oro, principalmente gioielli usati, vengono pesati su una bilancia di precisione (durante la fusione il peso cala leggermente), poi vengono messi in un crogiolo di grafite.

Quando è pronto, l’oro viene versato nella staffa rivestita di cera, che scompare col calore del composto e, una volta freddo, il lingotto subisce varie operazioni di pulizia e lucidatura.
Viene dapprima immerso in vasche contenenti acido solforico, che scioglie tutti i materiali che non sono oro.
Infine passa alla fase di lucidatura, per essere poi inviato ad istituti di lavorazione o banche.

Il saggio alla tocca è un metodo di analisi chimica qualitativa, ed è fondamentale per essere certi della qualità del metallo che si sta trattando.

Fondere il proprio oro vecchio, spaiato o rotto, può trasformarsi in un buon affare, non vi resta che raccogliere l’oro inutilizzato e farsi preparare un lingotto da investimento, che sarà una sicurezza per il futuro.